wrapper

Lo scorso anno la pressione fiscale in Italia è calata al 42,9% del pil, in discesa dello 0,4% rispetto al 43,3% del 2015. Lo rileva l’Ocse nel suo rapporto Revenue statistics 2017, che evidenzia però anche come la percentuale sia aumentata del 2,3% rispetto al 40,6% del 2000. Nell’arco di questi sedici anni il picco più alto è stato toccato nel 2013 a quota 44,1%, mentre il minimo è rappresentato dal 39,1% del 2005.
La pressione fiscale dell’intera area Ocse è salita nel 2016 al 34,3% dal 34% del 2015, toccando il livello più alto dal 1965, cioè da quando iniziano le serie storiche, compresi i precedenti picchi del 2000 e del 2007. La Danimarca si conferma il paese più vessato con una pressione al 45,94%, davanti alla Francia (45,27%) e Belgio (44,18%). Il peso del fisco è cresciuto in 20 dei 33 paesi che hanno fornito le stime preliminari sul 2016, mentre è calato in 13 paesi. Il maggior aumento della pressione fiscale è stato registrato in Grecia (2,2 punti percentuali) e Finlandia (1,5 punti percentuali). Austria e Nuova Zelanda si segnalano per i cali più ampi: un punto percentuale.
Nella classifica dei paesi con maggior pressione fiscale l’Italia come detto è sesta, dietro a Danimarca, Francia, Belgio, Finlandia (44,1%) e Austria (42,6%). I paesi con il peso delle tasse più basso sono Messico (17,2%), Cile (20,4%) e Irlanda (23%).

Lascia un commento

Fisco Equo

Siamo un gruppo di persone della società civile che ha scelto di impegnarsi per promuovere lo sviluppo di una maggiore conoscenza della realtà fiscale del nostro paese. A spingerci è soprattutto la comune sensibilità verso i temi della legalità ed equità fiscale.

Privacy Policy