wrapper

Per superare tutte le problematiche di equità nella distribuzione del bonus si potrebbe assimilare il credito d'imposta a una qualsiasi agevolazione o prestazione sociale legandone l'assegnazione all'indicatore della situazione economica.

di Lelio Violetti e Stefano Ciarla

Utilizzare l'Isee per superare le criticità, soprattutto sul versante dell'equità, emerse in merito alla individuazione della platea dei beneficiari del bonus Irpef di 80 euro. La proposta è contenuta in una elaborazione di Lelio Violetti e Stefano Ciarla di Lef che dopo aver evidenziato alcune criticità, sotto l'aspetto equitativo, del provvedimento varato dal Governo e ora all'esame del Parlamento, suggerisce di assimilare il credito d'imposta ad una qualsiasi agevolazione o prestazione sociale.

Il provvedimento introduce nell'ordinamento dell'Irpef un concetto fortemente innovativo: in pratica si abbatte l'imposta dovuta e, nei casi in cui non vi è capienza, la si trasforma in un credito che origina rimborso o riporto all'anno successivo. Ciò genera qualche criticità. A partire dai soggetti beneficiari, da cui attualmente risultano esclusi non solo i lavoratori autonomi e i titolari di reddito d'impresa, ma anche i pensionati e i cosiddetti incapienti (soggetti con reddito inferiore a 8.000), cioè lavoratori dipendenti con imposta zero in quanto annullata dalle relative detrazioni d'imposta.

La norme, come proposta rischia di creare una situazione di favore per i soggetti al cui imponibile concorrono oltre al lavoro dipendente anche altre tipologie di reddito e i nuclei che hanno un reddito familiare al quale concorrono più soggetti percettori di reddito di lavoro dipendente (famiglie plurireddito), rispetto a quelli composti da un unico percettore di reddito di lavoro dipendente (famiglie monoreddito). A parità di reddito familiare, infatti, i primi potrebbero percepire più di un bonus contro un solo bonus percepito dai secondi. E' altrettanto evidente, spiega il rapporto, come il sistema attualmente adottato, a parità di reddito complessivo familiare e del numero dei soggetti che concorrono alla sua formazione, penalizzi maggiormente le famiglie più numerose. Nell'analisi la soluzione e il metodo di utilizzo dell'Isee per risolvere le criticità evidenziate.

Etichettato sotto

Lascia un commento

Fisco Equo

Siamo un gruppo di persone della società civile che ha scelto di impegnarsi per promuovere lo sviluppo di una maggiore conoscenza della realtà fiscale del nostro paese. A spingerci è soprattutto la comune sensibilità verso i temi della legalità ed equità fiscale.

Privacy Policy