wrapper

Via XX Settembre ha pubblicato il report sulle entrate relative al periodo gennaio-febbraio 2016: 3,5 miliardi da giochi e tabacco, bene l’Iva. E l’Ires vola.

Nei primi due mesi dell’anno le entrate tributarie fanno registrare un balzo in avanti del 2% (+1,2 mld) rispetto al primo bimestre 2015, attestandosi a quota 62,4 miliardi grazie alla crescita dei gettiti Iva e Ires. È quanto emerge dal report sulle entrate erariali relativo al periodo gennaio-febbraio 2016 diffuso ieri dal ministero dell’Economia. Il dato assume ancor più valore visto che non incorpora il canone Rai. Con la nuova normativa il primo versamento è infatti previsto per luglio, mentre fino allo scorso anno circa il 90% del tributo era riscosso già entro febbraio. Il Mef calcola che, neutralizzando l’effetto canone, la crescita del gettito tributario si attesti intorno al +4,5%.
 
 
 

Schermata_04-2457485_alle_17.08.48.png

 

Fonte: Mef, Bollettino delle entrate tributarie del periodo gennaio-febbraio 2016

Imposte dirette. A contribuire maggiormente in termini assoluti sono le imposte dirette. In particolare il gettito Irpef che da solo vale 34,4 miliardi (+1,7 mld rispetto allo stesso periodo 2015, pari a +5,2%), frutto delle ritenute sui redditi da lavoro dipendente, del settore privato (16,6 miliardi, +8,5%) e di quello pubblico (14,8, pari a +1%), oltre che delle ritenute sui redditi degli autonomi (2,1 mld, +0,7%) e dei versamenti in autoliquidazione (396 milioni di euro, +26,5%). Da segnalare l’andamento del gettito Ires, che fa registrare un +46,3% rispetto al primo bimestre 2015 toccando quota 531 milioni di euro. Male le imposte sostitutive, soprattutto quella sui redditi da capitale e plusvalenze (631 milioni, -51,8%), e sugli attivi dei fondi pensione (674 milioni, -38,7%).

composizione_entrate_tributarie_totali.png

Composizione Entrate tributarie totali, Fonte: Mef

 

Imposte indirette. Oltre all’Ires, anche l’andamento delle indirette conferma la fase congiunturale moderatamente positiva. Le entrate Iva nel bimestre si attestano a 13,5 miliardi (+1,6 mld, +14%): di questi 11,7 miliardi (+18%) derivano dagli scambi interni e quasi 1,4 dallo split payment; 1,8 (-6,9%) dall’Iva sulle importazioni. Sul fronte delle altre indirette, il passo in avanti registrato dall’imposta di registro (768 milioni, +11%) è controbilanciato dall’andamento dell’imposta di bollo (700 milioni, -13%), mentre restano sostanzialmente stabili le imposte ipotecarie (+3,2%) e i diritti catastali (+3,2%). In flessione le tasse automobilistiche (-57 milioni, -33,9%).

Accise, giochi e tabacchi. Anche le accise mostrano un andamento stabile: quella sui prodotti energetici si attesta attorno ai 3 miliardi (+0,2%), quella sull’energia elettrica e sul gas naturale sono in lieve calo rispettivamente del 3,3% e del 6%. Nei primi due mesi dell’anno, lo stato incassa poco più di 2 miliardi (+7,6%) dai giochi e 1,5 miliardi dal tabacco.   

Lascia un commento

Fisco Equo

Siamo un gruppo di persone della società civile che ha scelto di impegnarsi per promuovere lo sviluppo di una maggiore conoscenza della realtà fiscale del nostro paese. A spingerci è soprattutto la comune sensibilità verso i temi della legalità ed equità fiscale.

Privacy Policy