wrapper

banner

Il gruppo dei Verdi del Parlamento Europeo puntano il dito contro la multinazionale dell’arredamento, che tra il 2009 e il 2014 avrebbe portato in Liechtenstein i ricavi realizzati in tutta Europa al solo scopo di abbattere la base imponibile.

Ricavi trasferiti prima in Olanda, poi nascosti in Lussemburgo e infine dirottati in Liechtenstein. Un meccanismo studiato e ben oliato col quale Ikea avrebbe messo al riparo fatturati da capogiro, realizzati in tutta Europa, per pagarci sopra lo zero virgola di tasse. A lanciare l’accusa è il Gruppo dei Verdi del Parlamento Europeo, attraverso uno studio commissionato e realizzato dal ricercatore Marc Auerbach. Al centro del rapporto, scrive la Repubblica, ci sarebbe proprio il colosso dell’arredamento low cost, che grazie a un complesso sistema di scatole cinesi e labirinti societari avrebbe eluso la bellezza di un miliardo di euro tra il 2009 e il 2014.

Destinazione Liechtenstein. Nel rapporto Auerbach descrive passo dopo passo il percorso dei ricavi. Che, una volta incassati in Belgio, Francia, Svezia o Germania, iniziano la corsa che li porterà in Liechtenstein. Tutto grazie alle royalties del 3% che le filiali Ikea sparse in giro per l’Ue devono corrispondere alla controllata olandese, l’Inter Ikea Group, a sua volta controllata da una fondazione, la Stichting Ingka. E già qui sorge un primo problema: i proventi delle royalties non sono assoggettati alla tassazione olandese. Ma non è tutto. I soldi vengono spostati in Lussemburgo sotto forma di interessi su un debito da rimborsare a un’altra società del gruppo, la quale a sua volta paga al fisco solo lo 0,06% delle cifre ricevute. A seguire, i ricavi finiscono la propria corsa in Liechtenstein, dove i dividendi giungono nella pancia di un’altra fondazione del gruppo senza essere tassati: lo prevede una legge nazionale.

La giostra dell’elusione. Se confermata, la pianificazione aggressiva avrebbe consentito all’azienda di risparmiare centinaia di milioni di euro. Nel periodo contestato (vale a dire tra il 2009 e il 2014) il mancato incasso per il Fisco è stato pari al 35% in Belgio, al 64% in Francia. Se si prende in considerazione il solo 2014, la strategia elusiva avrebbe comportato una perdita per l’erario tedesco di circa 36,6 milioni di euro; di 23,8 milioni per il fisco francese e di 10,1 milioni per quello svedese. 

Lascia un commento

Fisco Equo

Siamo un gruppo di persone della società civile che ha scelto di impegnarsi per promuovere lo sviluppo di una maggiore conoscenza della realtà fiscale del nostro paese. A spingerci è soprattutto la comune sensibilità verso i temi della legalità ed equità fiscale.

Privacy Policy